[twocol_one]

15 gennaio 2013 – ore 20.30
Sala Verdi del Conservatorio di Milano – Via Conservatorio 12 – Società del Quartetto
ore 11.30 – Prova aperta – riservata a scuole e Soci (ingresso libero su prenotazione), Oreste Bossini e i musicisti guidano all’ascolto del concerto. Sconto del 20% sul prezzo del biglietto per gli iscritti al Club dei lettori del Corriere Musicale

[/twocol_one]

[twocol_one_last]

Intevista audio a Leonardo Ramadori, Ensemble Tetraktis

ramadori

[/twocol_one_last]

Tetraktis 2012   4


Programma:
S. Reich – “Music for Pieces of Wood” per quartetto di percussioni (1973)
Stravinskij – Tre pezzi per clarinetto solo (1919)
Bartók – Danze Rumene per clarinetto e quartetto di percussioni (arr. G. Maestrucci) (1917)
Rimskij-Korsakov – “Il volo del Calabrone” per quartetto di percussioni (arr. G. Saveri)
A. Pasculli – “Le Api” per clarinetto e quartetto di percussioni (arr. Gianluca Saveri) (1874)
R. Panfili – “F for Fake” per clarinetto e quartetto di percussioni
P. Itturalde – “Suite Hellénique” per clarinetto e quartetto di percussioni (arr. A. Carbonare) (1988)
Rossini – Sinfonia da “L’Italiana in Algeri” per quartetto di percussioni (arr. G. Saveri)
Sollima – “Millennium Bug”, suite (III, II, I) per quartetto di percussioni (1999)
AA/VV – “La via della seta”, suite di temi e ritmi della tradizione popolare asiatica per duduk e quartetto di percussioni

Gli strumenti a percussione formano la famiglia più numerosa e ricca di colori nella musica. Le immense possibilità sonore delle percussioni, tra le quali va annoverato anche il pianoforte, sono state esplorate soprattutto dalla musica del Novecento, un secolo fin troppo ricco di ritmi, esplosioni, rumori e nervi a fior di pelle. Tetraktis è un termine greco legato al pensiero dei pitagorici e indica la successione aritmetica dei primi quattro numeri interi, rappresentata simbolicamente da un triangolo equilatero. Queste caratteristiche matematiche e filosofiche sono state scelte da un gruppo di musicisti italiani per dar vita a un ensemble di percussioni, che ama mescolarsi con musicisti provenienti da altre esperienze.

Alessandro Carbonare
Alessandro Carbonare

Alessandro Carbonare, primo clarinetto dell’Orchestra di Santa Cecilia e solista di fama internazionale, dialoga con le percussioni dell’ensemble Tetraktis in un concerto che rappresenta un viaggio nel tempo e nello spazio, rivisitando da un lato musiche del passato attraverso arrangiamenti originali e percorrendo dall’altro un viaggio verso Oriente in mezzo alle musiche dei popoli dell’Est. Il punto di partenza tuttavia è un lavoro emblematico del mondo contemporaneo come Music for Pieces of Wood del compositore newyorkese Steve Reich.

Biglietti: Euro 25 – 5 (per giovani entro 26 anni) in vendita dal 17 dicembre
presso:
–   Società del Quartetto, via Durini 24, Milano, tel 02 76005500, lunedì – venerdì 13.30-17.30
–   Call center, tel. 89.24.24, lunedì – venerdì 8-20, sabato 8-15 (con carta di credito)
–   Siti internet: www.quartettomilano.it e http://www.vivaticket.it/motore.php?cerca=1&ocode=94 (con carta di credito o bancomat)
– punti vendita Vivaticket (elenco consultabile su http://www.vivaticket.it/ricercaPunti.php)
– sul posto, da mezz’ora prima del concerto, secondo disponibilità
Altre riduzioni per gruppi e convenzioni speciali

Comunicato stampa

LASCIA UN COMMENTO