[wide]


[/wide]


[twocol_one]

Società del Quartetto di Milano

Francesco Piemontesi pianoforte

Programma
Mozart – Sonata in re maggiore KV 284
Schubert – Sonata in la minore op. 164 D 537
Ligeti – “Cordes à vide” da Studi, Libro I n. 2 – “Entrelacs” da Studi, Libro II n. 12
Debussy – Preludi, Libro II

[/twocol_one]

[twocol_one_last]
26 febbraio 2013 – ore 20.30
Sala Verdi del Conservatorio di Milano – Via Conservatorio 12

Per il Club dei lettori del Corriere Musicale sono riservate le seguenti condizioni:
Sconto del 20% sui prezzi dei biglietti per il 2013
[/twocol_one_last]


Dopo il brillante concerto di due stagioni fa, il giovane pianista svizzero Francesco Piemontesi è stato invitato di nuovo a esibirsi per il Quartetto, che ha sempre promosso e sostenuto la carriera dei giovani musicisti emergenti. Il programma del recital, di grande spessore artistico,  rivela la personalità di Piemontesi, che sente come missione l’imperativo di infondere nel repertorio classico e romantico la nuova linfa della scrittura moderna per la tastiera. Nella prima parte il concerto ruota attorno al pianoforte classico, con due lavori preziosi pescati nella produzione minore di Mozart e di Schubert. Nella seconda parte invece Piemontesi indaga i sottili rapporti del virtuosismo nella musica del Novecento, mettendo a confronto un paio di Etudes di Ligeti con il Libro II dei Préludes di Debussy, punto di partenza di un’idea nuova del suono pianistico.

Francesco Piemontesi

Nato a Locarno nel 1983, comincia a suonare il pianoforte all’età di quattro anni. Dopo gli studi con Nora Doallo, si trasferisce ad Hannover, dove prosegue la sua formazione alla Hochschule für Musik und Theater con Arie Vardi, ricevendo nel contempo preziosi consigli da parte di Alfred Brendel, Cécile Ousset, Mitsuko Uchida e Alexis Weissenberg. Vincitore di importanti premi e riconoscimenti (Reine Elisabeth di Bruxelles e Borletti-Buitoni di Londra) nel settembre 2009 è stato nominato “New Generation Artist” dalla BBC di Londra. Ha tenuto concerti in Europa, negli Stati Uniti e in Asia, ospite di festival quali Proms di Londra, Progetto Martha Argerich, Schleswig-Holstein, City of London, Cheltenham, Ludwigsburg, Bad Kissingen, Rheingau, Ruhr e Roque d’Anthéron. Si è esibito inoltre alla Philharmonie di Berlino, Carnegie Hall di New York, Musikverein di Vienna e Suntory Hall di Tokyo. Come solista ha collaborato con l’Israel Philharmonic Orchestra, Orchestra Filarmonica di Monte Carlo, Orchestra Sinfonica di Praga, Deutsche Radiophilharmonie, Orchestra Nazionale Belga, la Royal Flemish Philharmonic, Tonkünstler di Vienna, London Mozart Players, Musikkollegium di Winterthur e con le orchestre da camera di Zurigo e di Losanna, con direttori quali Lawrence Foster, Mikhail Pletnev, Dimitrij Kitajenko, Christoph Poppen e Bruno Weil. Svolge inoltre un’intensa attività cameristica con musicisti quali Yuri Bashmet, Heinrich Schiff, Renaud e Gautier Capuçon, Jörg Widmann e il Quartetto Ebène. Tra gli impegni recenti concerti con la London Philharmonic Orchestra, NHK Symphony Orchestra, Rundfunk-Sinfonieorchester Berlin, Orchestre de la Suisse Romande, Münchner Philharmoniker, Liverpool Philharmonic, Bournemouth Symphony, Northern Sinfonia sotto la direzione di Sir Roger Norrington, Marek Janowski, Heinrich Schiff e Vassily Sinaiski e una tournée europea con Zubin Mehta e l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino. Inoltre ha tenuto recital alla Wigmore Hall di Londra, al Concertgebouw di Amsterdam e al Festival di Lucerna. Francesco Piemontesi ha inciso per EMI Classics e per Claves. È stato ospite della nostra Società nel 2011.

Comunicato stampa

LASCIA UN COMMENTO