[wide]

Illustrazione di Claudia Palmarucci

[/wide]


[twocol_one]
BABY BOFE’
rassegna di musica classica
per bambini dai 3 agli 11 anni

Teatro dell’Antoniano
Domenica 24 marzo ore 11 e ore 16

I MUSICANTI DI BREMA
musiche di François Couperin, Jean-Philippe Rameau

Willem Peerik, clavicembalo e voce narrante
Massimo Ottoni, performance di Sand Art
Alex Renzetti, audio musicale
Paolo Savini, luci

François Couperin
I fasti della grande e antica Menestrelleria
La Zénobie, La Brillante o la Bontems
Le grazie naturali (Suite della Bontems)
La Tenebrosa (Allemanda), La Lugubre (Sarabanda)

Jean-Philippe Rameau
La gallina

[/twocol_one]

[twocol_one_last]
Per il Club dei lettori del Corriere Musicale sono riservate le seguenti condizioni:
Sconto del 10% sui prezzi dei biglietti (valido in tutti i settori) della rassegna “Grandi Interpreti”
Sconto del 10% nuovi abbonamenti “Oro” (€310,5 anziché €345) e “Grandi interpreti” platea settore B (€252 anziché €280)
Sconto del 20% nuovi abbonamenti “Oro” (€308 anziché 385) e “Grandi interpreti” platea settore A (€260 anziché €325)
[/twocol_one_last]


Domenica 24 marzo ore 11 (con replica alle ore 16), al Teatro dell’Antoniano, va in scena lo spettacolo musicale I MUSICANTI DI BREMA, appuntamento conclusivo della stagione 2013 del Baby BoFe’. Le avventure di un simpatico gruppetto di originali musicisti – un asino, un cane, un gatto e un gallo, ovvero i Musicanti di Brema della nota fiaba dei fratelli Grimm – prendono forma sotto i nostri occhi nella performance di Sand-Art realizzata da Massimo Ottoni. Ma le fiabe si possono raccontare anche con il linguaggio delle note e il nostro arzillo Nonno Cembalo, abilissimo musicista-narratore che sa sempre trovare il suono giusto, fa il verso all’allegro concerto tenuto dai quattro animali. Sarà Willem Peerik, clavicembalista e voce narrante, a suonare brani per tastiera come La Gallina di Rameau o I fasti della grande e antica Menestrelleria di Couperin, musica settecentesca di carattere descrittivo e di immediato ascolto, particolarmente congeniale ad una fiaba squisitamente musicale come I musicanti di Brema: quattro animali, cacciati dalla loro fattoria perché ormai troppo vecchi e inutili, decidono di andarsene a Brema per diventare musicisti e vivere finalmente senza padroni. Le figure disegnate con la sabbia da Massimo Ottoni mutano col procedere della narrazione: lo scenario si ridisegna ad ogni nuova avventura vissuta dai nostri quattro originali musicanti.

A fine spettacolo, con il GRANDE QUIZ DELLA MUSICA, bambini e genitori vengono coinvolti in un gioco musicale divertente ed istruttivo.

Willem Peerik è voce narrante e clavicembalista nello spettacolo I musicanti di Brema. Pianista, clavicembalista e direttore di coro, insegna pianoforte alla Scuola InMusica di Pesaro e si è già esibito in diverse produzioni del Baby BoFe’, tra cui Sogno di una notte di mezza estate con musiche di Mendelssohn e Le quattro stagioni con musiche di Vivaldi. Pianista collaboratore del Conservatorio di Pesaro, dirige il coro polifonico “Jubilate” di Candelara. È direttore artistico del festival di musica antica “Musicae Amoeni Loci” che si svolge in diverse località della provincia di Pesaro-Urbino. Willem Peerik tiene concerti in Italia e all’estero come solista e con ensemble cameristici, anche in qualità di direttore.

Massimo Ottoni propone una performance di sand-art nello spettacolo I Musicanti di Brema. Nato a Fano nel 1975, ha frequentato la Scuola del Libro di Urbino, sezione Cinema d’animazione. Ha realizzato quattro film di animazione che hanno ottenuto premi e riconoscimenti in diversi festival: 1998, Due di cuori, mondo cane, thelone. È autore del videoclip Sister su musiche del gruppo “End” trasmesso su MTV e di Wheels and love vincitore del premio Anima Mundi 2011. Si esibisce come light-artist, disegnando in estemporanea. Ha lavorato con numerosi musicisti e attori, tra cui Stefano Bollani, David Riondino, John De Leo, Danilo Rea, Alessandro Bergonzoni, Stefano Benni, Roy Paci, Gianluigi Trovesi, elaborando tecniche espressive con i materiali più diversi, come sabbia, carta, tempere ed alimenti. Massimo Ottoni è stato il primo artista in Italia ad utilizzare la già ben nota tecnica della sand-art.

Comunicato stampa

LASCIA UN COMMENTO