[wide]

13.4berio agli oscillatori 55
[/wide]


[twocol_one]
Divertimento Ensemble

Nicola Scaldaferri guida all’ascolto delle composizioni elettroniche di Berio al Museo degli Strumenti Musicali del Castello Sforzesco di Milano

Programma

Thema (omaggio a Joyce) (1958 – 7’)
Visage (1961 – 22’)
Chant Paralléles (1975 – 15’)

guida all’ascolto Nicola Scaldaferri
la riproduzione avviene con supporto meccanico

[/twocol_one]

[twocol_one_last]
Sabato 13 aprile 2013, ore 16.00
Castello Sforzesco, Museo degli strumenti musicali, Sala della Balla

Per il Club dei lettori del Corriere Musicale sono riservate le seguenti condizioni:
Biglietto a 5 euro per la stagione Rondò 2013
[/twocol_one_last]


Secondo appuntamento per ascoltare il corpus delle composizioni elettroniche di Luciano Berio, riprodotte meccanicamente con la regia del suono di Sandro Gorli e la guida all’ascolto del musicologo Nicola Scaldaferri, nel luogo che conserva la ricostruzione dello Studio di Fonologia della Rai che Berio, insieme a Maderna, aveva contribuito a fondare e in cui quei brani sono stati realizzati. Sabato 13 alle ore 16 si potrà ascoltare Visage (1961 – 22’), Chant Paralléles (1975 – 15’), e Thema (omaggio a Joyce). Quest’ultimo, capolavoro indiscusso della musica del Novecento, composto tra il 1958 e il 1959, si basa sulla lettura interpretativa della poesia Sirene (dal capitolo XI dell’Ulisse di James Joyce) realizzata da Cathy Berberian, compagna di vita e musa ispiratrice di Luciano Berio, e sull’elaborazione e manipolazione della stessa voce registrata, attraverso le apparecchiature dello studio di Fonologia di Milano.
Scrive Berio: In questo lavoro non ho utilizzato suoni prodotti elettronicamente: l’unica sorgente sonora consiste nelle registrazioni della voce di Cathy Berberian che legge l’inizio dell’undicesimo capitolo dell’Ulysses. Il testo viene letto non solo nella versione originale inglese, ma anche nella traduzione italiana (Montale) e in quella francese (Joyce e Larbaud).
Con Thema mi interessava ottenere una nuova forma di unione fra linguaggio parlato e musica, sviluppando le possibilità di una metamorfosi continua dall’uno all’altra. Attraverso una selezione e una riorganizzazione degli elementi fonetici e semantici del testo di Joyce, la giornata di Mr. Bloom a Dublino (sono le quattro del pomeriggio, all’Ormond Bar) prende una direzione diversa in cui non è più possibile distinguere tra parola e suono, tra suono e rumore, tra poesia e musica, ma dove ancora una volta diveniamo consapevoli della natura relativa di queste distinzioni e dei caratteri espressivi delle loro cangianti funzioni.
I biglietti saranno in vendita al prezzo di 3 euro presso la biglietteria del Museo degli strumenti musicali del Castello Sforzesco. Il prezzo include la visita al Museo.

Nicola Scaldaferri insegna Etnomusicologia e Antropologia della Musica presso l’Università Statale di Milano dove dirige il LEAV (Laboratorio di etnomusicologia e antropologia visuale). Oltre ad occuparsi di musica elettroacustica, con una particolare attenzione rivolta alla produzione di Berio e Maderna, si interessa di pratiche musicali dell’Italia meridionale, dell’area balcanica e dell’Africa occidentale, luoghi sui quali ha condotto intense ricerche sul campo.

Comunicato stampa

Annuncio

Perché non dire la tua?

Please enter your comment!
Please enter your name here