[wide]


[/wide]


[twocol_one]

Accademia Filarmonica Romana

Festival Internazionale della Danza 2013 – dedicato a Vittoria Ottolenghi

I MUMMENSCHANZ al Teatro Olimpico dal 3 al 12 maggio ospiti del Festival Internazionale della Danza per festeggiare 40 anni di sorprendente carriera

Teatro Olimpico
Da venerdì 3 a domenica 12 maggio
(tutti i giorni ore 21; sabato 11 ore 16 e 21; domenica ore 16; lunedì 6 riposo)

40 ANNI DI MUMMENSCHANZ
LES MUSICIENS DU SILENCE

direttori artistici
Floriana Frassetto, Bernie Schürch

interpreti
Floriana Frassetto, Philipp Egli,
Raffaella Mattioli, Pietro Montandon

direttori tecnici e lighting designers
Dino (Chico) De Maio
Jan Maria Lukas

[/twocol_one]

[twocol_one_last]
Per il Club dei lettori del Corriere Musicale:
Riduzione del 30% sul prezzo intero del biglietto per tutti i concerti e gli spettacoli in scena al Teatro Olimpico e al Teatro Argentina (ad esclusione degli spettacoli di Danza e degli spettacoli in scena presso altre sedi)

I biglietti devono essere prenotati presso l’Ufficio Promozione dell’Accademia al numero 06.320.17.52 o scrivendo una e-mail all’indirizzo prenotazioni@filarmonicaromana.org.
[/twocol_one_last]


La storica compagnia dei MUMMENSCHANZ torna a Roma al Teatro Olimpico dal 3 al 12 maggio, ospite del Festival Internazionale della Danza della Filarmonica Romana e Teatro Olimpico, per celebrare 40 anni di straordinari successi. Immergetevi nella magia del silenzio e delle ombre, dei corpi che mutano e che cambiano, assumendo ogni forma: è lo spettacolo dell’arte visiva, della mimica e del non-verbale, tanto emozionante quanto divertente… Quello dei 40 anni dei leggendari Mummenschanz – che la stampa ha definito “Les musiciens du silence” – è un anniversario importante che il gruppo sta celebrando davanti al suo pubblico in una lunga tournée internazionale partita nel 2012. “In questo spettacolo – racconta Floriana Frassetto fra le fondatrici e attuale interprete della compagnia – c’è tutto il nostro linguaggio: poetico, ironico, stimolante, provocante per la fantasia e per il gioco e pieno di emotività. Siamo uno spettacolo per un pubblico dai 6 ai 106 anni!”

Le brillanti idee dei Mummenschanz, fondati nel 1972 dagli artisti svizzeri Andres Bossard, e Bernie Schürch con Floriana Frassetto, sono state presentate alle platee di tutto il mondo. Oggi rappresentano molto più di un nome. Il loro lavoro è diventato una forma d’arte che ha affascinato diverse generazioni di spettatori di ogni età e cultura. Testimoni di quelle strane ma inconfondibili creature senza tempo, dalle forme incredibili e colorate che fanno a gara per incantare gli spettatori.

Le storie raccontate dai Mummenschanz sono soltanto visive. Non ci sono accompagnamenti musicali, né scenografie. Irrompono sul palcoscenico indossando quello che la nostra società ha depauperato di valore, i nostri scarti: sacchetti dilatati, resti di tubo a fisarmonica, bidoni, fili di ferro o serpentine luminescenti, stralci di stoffa, pezzi di cartone, polistirene, gommapiuma ed altro ancora. Tutti materiali mossi o modellati in modo da generare una fantasmagoria proteiforme centrata sull’umano la quale ci trascina in un insolito girotondo gioioso, sorprendendoci, divertendoci e meravigliandoci ogni volta.

Comunicato stampa

CONDIVIDI
Articolo precedenteProgetto Alan Lomax
Articolo successivoVerdi, Wagner e Bologna

LASCIA UN COMMENTO