Birds & Nymphs

I solisti di ContempoArtEnsemble, Maurizio Leoni, Antonio Caggiano, Vittorio Ceccanti
Sabato 1 ottobre, alle ore 21.00, nella Tenuta Dello Scompiglio di Vorno (Lucca) si presenta “Birds & Nymphs”, concerto sui temi dell’incomunicabilità e della pazzia nell’opera del compositore britannico Peter Maxwell Davies (del quale si propone un ricordo a soli sette mesi dalla scomparsa) e in quella di Nicola Sani, di cui viene presentata una prima esecuzione assoluta. Con i solisti di ContempoArtEnsemble, la voce di Maurizio Leoni, le percussioni di Antonio Caggiano e la direzione di Vittorio Ceccanti. L’appuntamento fa parte di “Assemblaggi Provvisori”, manifestazione dell’Associazione Culturale Dello Scompiglio, diretta da Cecilia Bertoni, con concerti, incontri, installazioni, laboratori, mostre, performance, teatro ragazzi e residenze, incentrati sull’individualità in relazione e/o in conflitto con il genere e più specificamente con l’assenza di causalità e coincidenza tra il sesso biologico, il genere (mascolinità–femminilità) e l’orientamento sessuale.
Il monodramma Eight songs for a Mad King di Peter Maxwell Davies, per un baritono ed ensemble strumentale, esprime la pazzia di un re come segno del degrado del potere, molto spesso maschile. Una rappresentazione della follia che mostra una vocalità estremizzata, in cui la voce del baritono tocca tutti i registri vocali possibili, maschili e femminili, arrivando a una molteplicità di suoni che comprende l’imitazione del canto degli uccelli. till I end my song, di Nicola Sani, è invece un brano drammatico ispirato a La terra desolata, dell’autore e poeta statunitense T.S. Eliot, in cui il compositore, attraverso una sintesi tra le suggestioni letterarie e l’orizzonte sonoro, esprime la solitudine e lo smarrimento di una società che ha perso ogni punto di riferimento culturale e politico. Così Nicola Sani: “Le ninfe se ne sono andate… uno spazio liquido scorre intorno a noi, in cui distinguiamo forme che si dilatano nel tempo. Sembrano oggetti sfuocati, permeati da una materia contaminante. È rottame che danza…”.  “Sani – sottolinea Antonio Caggiano – si confronta con la società liquida in cui viviamo, frutto di una crisi di cui è pervasa ogni manifestazione del quotidiano, ma sembra dirci che la scomparsa delle ninfe può cedere il posto a un’umanità pienamente libera, ‘fluida’ nella sua espressione di sentimenti perciò capace di trovare la giusta sintesi tra maschile e femminile.”
Programma
Nicola Sani  till I end my song,  2016, per percussione concertante, flauto, clarinetto, violino, violoncello e pianoforte – prima assoluta
Peter Maxwell Davies Eight Songs for a Mad King, 1969,  per voce maschile ed ensemble
Maurizio Leoni  baritono e voce recitante
Antonio Caggiano  percussioni
Per ContempoArtEnsemble: Luciano Tristaino flauto, Carlo Failli  clarinetto, Antonino Siringo  pianoforte e clavicembalo, Duccio Ceccanti  violino, Michele Tazzari  violoncello
Vittorio Ceccanti  direttore
La manifestazione, che prosegue fino a giugno 2017, gode del patrocinio del Comune di Capannori (Lucca).
Il Progetto Dello Scompiglio ideato e diretto da Cecilia Bertoni, prende vita nella omonima Tenuta, situata alle porte di Lucca, sulle colline di Vorno; una realtà in cui le attività legate alle arti visive e performatiche negli spazi interni ed esterni e il dialogo e le attività con la terra, con il bosco, con la fauna, con l’elemento architettonico contribuiscono a una ricerca di cultura. Ogni scelta relativa al Progetto è perciò valutata in relazione alla propria sostenibilità ambientale, attraverso forme di interazione e di responsabilità. All’interno della Tenuta Dello Scompiglio, accanto all’Azienda Agricola e alla Cucina Dello Scompiglio, opera l’omonima Associazione Culturale. L’Associazione dal 2007 crea, produce e ospita spettacoli, concerti, mostre, installazioni; realizza residenze di artisti, laboratori, corsi e workshop; organizza e propone itinerari performatici all’aperto, visite guidate, lezioni Metodo Feldenkrais®; gestisce lo Spazio Performatico ed Espositivo (SPE). Una particolare attenzione è dedicata infine alle attività culturali per bambini e ragazzi, con rassegne teatrali, laboratori e campi estivi.
|||::
Tenuta dello Scompiglio